Cambio di Residenza

 

cambio residenza

Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Fotogallery

 

le Eolie viste da Longobardi Paese

RSS di - ANSA.it

Storia

Regina Teodolinda

Nella ricerca del suo passato, dalle origini della sua fondazione, riveste particolare importanza la posizione geografica in cui viene a trovarsi Longobardi, così come appare nella luminosa esistenza di luogo sereno, aperto, esposto all'aria e al sole, con un mare splendido, dai colori cangianti, di un azzurro, in particolare, abbagliante. Nell'antichità e durante i primi insediamenti che si andavano formando, in un continuo e ricco scambio di traffici economici e culturali in tutta l'area del Mediterraneo, le coste frastagliate del Tirreno, caratterizzate da alti promontori, determinarono e favorirono l'interesse dell'uomo nella scelta dei primordiali accampamenti difensivi, così ben protetti e inaccessibili, dove potè maggiormente sviluppare le potenzialità e la ricchezza di ambienti naturali già dotati. Longobardi si trovava in questa realtà e oggi, come allora, era un territorio conosciuto e conteso da quei popoli che là vi giungevano per fondare le loro civiltà.   [ ... ]

Confini

(Nella cartina le aree celesti sono Longobarde, le aree arancioni son Bizantine)

Innumerevoli testimonianze  di acclamati studiosi riportano interessanti ricerche che meriterebbero più approfondite e opportune valutazioni e indagini dirette sul territorio, relativamente ad alcune delle numerose contrade di Longobardi, denominate Frailliti, Ambricella, Cafarone, Bardano, Tarifi, Tauriana e Varone, nelle quali si segnala la presenza di consistenti zone di interesse archeologico.

Sempre a proposito della memoria storica e della ricostruzione del passato, più o meno remoto di Longobardi, si dice che il Monte Cocuzzo , con la sua rispettabile altezza di 1541 mt , sarebbe la montagna di fuoco, il sito antico di un vulcano spento che fu la vetta della leggenda, del mito, del mistero e della scoperta della forza del fuoco. La storia della città è segnata dall'arrivo dei Longobardi , da cui deriverebbe il nome del paese ( longbart =barba lunga), da questa stirpe nordica che vi giunse nel primo ventennio del VII ° sec. alla guida del Re Liutprando, figlio e successore di Ansprando. A riprova dell'influenza lasciata nell'immaginario collettivo popolare e nella terminologia falsata del dialetto locale, viene ricordato con il nome di Lippranno nella zona circoscritta del Monte Tosto [Tu'astu]( dal nome del nobile cosentino che qui si fermò durante le lotte sostenute contro il Re Ferdinando D'Aragona ) alle pendici del già citato Cocuzzo, dove vi apparve per la prima volta al suo arrivo, ad ovest della città, insediandosi in quel contesto ed apportandovi con la sua presenza quella mescolanza tra razze diverse. [ ... ]

Longobardi conobbe il dominio francese e fu teatro di dispute e avvenimenti segnati dalla presenza di uomini illustri. Durante il predominio francese, nella lotta tra Borbonici e Napoleonici (1806-1807) molti longobardesi subirono i soprusi e le vendette delle truppe francesi da loro malviste. Il 26 dicembre del1806 i circa 2000 francesi che ebbero ragione dei patrioti longobardesi, effettuarono saccheggi e commisero angherie. Circa sessanta i morti e l'anno appresso, in un'altra spedizione effettuata dai francesi, furono trucidate circa altre trecento persone e molte case, come al solito, date al fuoco.

 

Comune di Longobardi

PIAZZA MICELI 1 - 87030

Tel. 0982 75895   Fax  0982 75238

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.415 secondi
Powered by Asmenet Calabria